Mappa del sito Versione stampabile Notizie in formato RSS
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu di navigazione
  3. Menu di sezione

Contenuto della pagina

Tassa Rifiuti Solidi Urbani - TARSU

La regolamentazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani

Chi contattare in Comune: Ufficio Contabilità - Tributi 
 
 COS'È LA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI
La tassa è istituita per garantire la copertura dei costi di esercizio del servizio per la raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani svolto nel territorio comunale. Le norme che disciplinano l'applicazione della tassa sono contenute nel Capo III del D.Lgs. n. 507/1993 e s.m.i. e nel Regolamento comunale. La tassa è dovuta per l'occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti.

CHI DEVE VERSARE
La tassa è dovuta da coloro che occupano o detengono i locali e le aree scoperte soggette a tassazione, con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse come meglio definito dall'art. 5 del Regolamento comunale..

OBBLIGO DI DENUNCIA
Il contribuente deve presentare DENUNCIA DI OCCUPAZIONE dei locali ed aree tassabili siti nel territorio del comune entro il 20 gennaio successivo a quello di inizio dell'occupazione o detenzione, sottoscritta da uno dei coobbligati o dal rappresentante legale o negoziale (è necessaria la delega in caso di persona fisica diversa dal contribuente iscritto/da iscrivere a ruolo, corredata dalla fotocopia della carta identità valida del contribuente delegante).

La denuncia ha effetto anche per gli anni successivi. Chi ha già presentato denuncia negli anni pregressi e risulta correttamente iscritto a ruolo non deve quindi presentare alcuna denuncia entro il medesimo termine.
Con le stesse modalità ed entro lo stesso termine del 20 gennaio devono essere denunciate le modifiche apportate ai locali ed alle aree servite e le variazioni dell'uso dei locali e delle aree stesse.
La denuncia deve essere obbligatoriamente redatta sul modello (Denuncia TARSU) predisposto dall'ente.


Si segnala in particolar modo che:
Il trasferimento di residenza in altro Comune non comporta l'automatica cancellazione dell'iscrizione a ruolo; il contribuente deve provvedere a comunicare per iscritto la cessazione dell'occupazione.
Le unità abitative non occupate o non utilizzate devono essere comunque denunciate tramite modello di Richiesta esenzione TARSU; sono escluse dal pagamento della tassa solo se prive di mobili e suppellettili e non allacciate ai servizi di rete, idrica, elettrica, ecc..

DETERMINAZIONE DELLA TASSA ed ADDIZIONALI DI LEGGE
La tassa annuale è determinata moltiplicando la superficie dei locali o aree per la tariffa/metro della categoria tariffaria. Al prodotto così determinato deve essere aggiunto il 15% circa relativo alle seguenti addizionali di legge:
5% Add.le Ex ECA, 5% Maggiorazione Add.le Ex ECA, 5% circa Tributo Ambientale Provinciale.

AGEVOLAZIONI e RIDUZIONI
L'art. 11 del vigente Regolamento comunale prevede tre tipologie di riduzione non cumulabili tra loro:
1) abitazioni con unico occupante residente ( RIDUZIONE 20%);
2) abitazione rurali occupate da imprenditori agricoli a titolo principale (RIDUZIONE 20%);
3) abitazioni tenuta a disposizione e non locata ne ceduta in comodato, da residenti all'estero per più di sei mesi all'anno (RIDUZIONE 20%).

Dall'anno 2011 l'art. 10 bis del vigente Regolamento comunale prevede una RIDUZIONE del 10% per la raccolta differenziata - compostaggio domestico come specificato nel Regolamento TARSU.
Per quanto riguarda gli insediamenti situati fuori dell'area di raccolta, tenuti comunque a conferire i rifiuti urbani interni ed assimilati nei contenitori viciniori, è stabilita la riduzione nella misura del 40% del totale della tassa dovuta.
L'immobile si considera inserito nell'area di raccolta qualora il tratto di strada pubblica o di uso pubblico da percorrere per raggiungere il più vicino punto di conferimento dei rifiuti sia inferiore a mt. 500.
 

MODALITA' DI RISCOSSIONE
Il Comune di Castiglione Chiavarese procede alla riscossione della tassa mediante l'invio di apposito avviso, calcolato sulla base delle dichiarazioni effettuate dal contribuente secondo le modalità sopra stabilite. L'attività di riscossione della Tarsu è stata affidata al Concessionario per la Provincia di Genova Equitalia Sestri S.p.a..

Riferimenti normativiDecreto Legislativo n.507/1993

Allegato: vai alla pagina dove scaricare i moduli Denuncia TARSU, Richiesta esenzione TARSU, Richiesta riduzione TARSU per chi effettua il compostaggio domestico e Regolamento TARSU.


 

 

 
 

 

 

Menu di Sezione

Menu di Sezione

Sondaggio

E' utile e funzionale il nuovo sito ?